Story

Luna Rossa Prada Pirelli sceglie la lana Merino

Il mare è il nostro campo di gioco, lo viviamo quotidianamente, navigandoci, osservandolo e cercando di interpretare i suoi cambiamenti. Ma giorno dopo giorno siamo testimoni dell’impatto che il nostro stile di vita sta avendo su questo ecosistema, così importante per il nostro pianeta.

Max Sirena talks ocean health

Il mare, come le foreste, è il polmone della terra, assorbe il 20-30% del carbonio presente in atmosfera, regola il ciclo delle piogge e la temperatura del nostro pianeta.

Gli studi degli ultimi anni mostrano che la concentrazione di plastiche e microplastiche negli oceani, sta aumentando in maniera esponenziale.

Oggi circa il 90% degli uccelli marini ha nello stomaco dei frammenti di plastica – un valore che nel 1960 era poco al di sopra del 5%. (1) Da una ricerca scientifica del 2018 condotta da Università Politecnica delle Marche, Greenpeace e Istituto di Scienze Marine del CNR emergono dei dati preoccupanti sulla percentuale di microplastiche trovate nel corpo degli organismi marini. Nel 25 e il 30% delle specie analizzate sono risultati presenti microplastiche di dimensioni inferiori ai 5 millimetri (2).

Intaccare degli equilibri così delicati può avere delle ripercussioni devastanti sulla salute degli oceani e dell’intero pianeta.

Per questo come team abbiamo deciso di dare un segnale chiaro su questo tema, a cui teniamo molto. Abbiamo adottato scrupolose procedure per minimizzare la produzione di rifiuti, a terra e in mare. Abbiamo programmato una serie di attività di sensibilizzazione, aderendo alla Charta Smeralda, il codice etico e comportamentale della fondazione One Ocean Foundation, che definisce e fissa i paradigmi per la tutela del mare.

Circa il 35% delle microplastiche nell’ambiente marino hanno origine da fibre sintetiche usate nei capi di abbigliamento. Queste piccolissime particelle, di diametro inferiore a 5mm, sono ormai presenti negli ecosistemi acquatici e terrestri di tutto il mondo. Una ricerca dell’Università di Manchester del 2018, pubblicata su Nature Geoscience (3), stima che ogni anno 0,6-1,7 milioni di tonnellate di microplastiche vengono rilasciate nell’oceano. Il crescente consumo di plastica e fibre sintetiche, anche nel settore dell’abbigliamento, rischia di avere ripercussioni drastiche sull’ambiente (4). Per questo motivo il team Luna Rossa Prada Pirelli ha deciso di impegnarsi attivamente, con azioni concrete rivolte alla mitigazione dell’impatto ambientale. Grazie alla collaborazione con The Woolmark Company, per l’abbigliamento del team sono stati studiati e sviluppati dei capi con soluzioni innovative e realizzati con alte percentuali di fibre naturali, come la lana: un materiale biodegradabile e rinnovabile, con un bassissimo impatto sia nel ciclo produttivo che nello smaltimento, e con straordinarie caratteristiche di traspirabilità e resistenza all’acqua.

Il nostro impegno, come persone e come team, è quello di agire in maniera responsabile e rispettosa. Siamo ospiti su questo pianeta e dobbiamo fare del nostro meglio per lasciarlo integro. Il privilegio che abbiamo nel vedere un delfino nuotare o nel navigare in un mare pulito, è un privilegio che dobbiamo garantire anche alle generazioni future.

© Carlo Borlenghi

Jimmy Spithill (sailing team member): “L'America's Cup è la F1 della vela ed è normale che ci sia una ricerca tecnologica per ottenere un vantaggio, e l'abbigliamento non è da meno. Queste barche raggiungono velocità fino a 90 km all'ora e i ragazzi si scaldano moltissimo, con battiti cardiaci elevati, in una regata che dura circa 30 minuti. Serve davvero un materiale che sia traspirante e che si conforma agli sbalzi termici del corpo. Sono rimasto sbalordito dai prodotti di The Woolmark Company e dalla nuova tecnologia che hanno ideato. È solo una delle tante piccole cose che penso ci darà un vantaggio competitivo. Inoltre, è un prodotto sostenibile, naturale, organico e totalmente biodegradabile e, ammettiamolo, ora tutti dobbiamo davvero concentrarci su questi concetti ".

Guarda il video su: https://bit.ly/2CMB4Jk